Cos'è l'Allergia Alimentare?

Si parla di allergia alimentare per indicare una reazione immunologica verso proteine alimentari normalmente tollerate. Il sistema immunitario produce differenti tipi di anticorpi (per esempio, IgE, IgG e IgM), ciascuno con una propria specifica funzione. La classe di anticorpi che può provocare una reazione allergica è quella degli IgE.

Il nostro organismo produce usualmente molecole IgE per contrastare le infezioni causate dai parassiti, come per esempio gli elminti. La scienza medica non ha ancora compreso le ragioni per le quali il sistema immunitario di alcune persone produce erroneamente IgE contro agenti innocui come pollini o acari della polvere, scatenando forme di asma e di rinite allergica (anche detta febbre da fieno), e contro alcuni cibi, scatenando le allergie alimentari. Per complicare ulteriormente il quadro, in alcune reazioni allergiche non sono coinvolti gli anticorpi IgE, ma cellule del sistema immunitario In effetti, molte manifestazioni cliniche di allergia alimentare non riconoscono un meccanismo IgE- mediato chiaramente dimostrabile.

Riassumendo, si definisce allergia alimentare IgE-mediata quando sono in causa anticorpi IgE e allergia alimentare non IgE-mediata quando tali anticorpi non sono rilevabili.

Principali Allergie

Associazione di Promozione Sociale Food Allergy Italia

 è la prima associazione in Italia, fondata a maggio del 2002, che si propone di tutelare esclusivamente la salute delle persone affette da allergie ed intolleranze alimentari.

Anno di fondazione

Iscriviti all'Associazione

Accedi

La nostra Associazione

3 weeks ago

Food Allergy Italia
😢 COSA SONO LE PAL (ETICHETTE PRECAUZIONALI)?Di etichette precauzionali se ne parla 🗣 spesso, nel mondo degli allergici.In effetti impattano molto - nel bene e nel male - sulla qualità di vita degli allergici / consumatori, perché è pressoché inevitabile l'acquisto 🛒 di prodotti alimentari confezionati.👍 Nel bene, perché sono una conquista nata col fine di avvisare il consumatore allergico dei possibili rischi connessi a contaminazioni dell'alimento con i 14 allergeni del Regolamento UE 1169/2011.👎 Nel male, perché il loro utilizzo si è rivelato all'atto pratico non adeguato, vista la loro proliferazione.Come spiegato molto bene in questo articolo,www.greatitalianfoodtrade.it/sicurezza/etichettatura-degli-allergeni-il-grande-caos-lo-studio-di-...allo stato attuale e prima che il Codex Alimentarius si esprima sull'argomento, l'unica dicitura ammissibile dovrebbe essere la seguente:- PUO' CONTENERE L'ALLERGENE Xda utilizzare nei casi in cui vi sia il rischio concreto e provato di contaminazione dell'alimento con l'allergene X (si pensi, a solo titolo di esempio, ad una stessa linea produttiva di macchinari che elaborino biscotti con diverse ricette).Invece, le diciture "PUO' CONTENERE TRACCE DI ALLERGENE X" oppure "REALIZZATO IN UNO STABILIMENTO CHE LAVORA ANCHE L'ALLERGENE X" sono poco chiare perché non consentono una netta valutazione del rischio. In effetti, tale confusione può indurre due comportamenti opposti nel consumatore: ipercautela o sottovalutazione del rischio.Il comitato di esperti FAO ed OMS ha esaminato i dati sullo stato attuale e uso dell'etichettatura precauzionale degli allergeni (PAL) e ha convenuto all'unanimità che gli attuali sistemi PAL utilizzati in molti paesi devono essere migliorati poiché non sono uniformi né informativi, e non sono coerentemente basati sulla gestione del rischio allergeni d’accordo alla quantità e alla frequenza di presenza involontaria degli allergeni riscontrata nei prodotti alimentari. La materia non è banale, ma è di tutta evidenza che urge accelerare nella direzione di regolamentare 👨‍⚖️ una 𝐯𝐚𝐥𝐮𝐭𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐪𝐮𝐚𝐥𝐢𝐭𝐚𝐭𝐢𝐯𝐚 𝐝𝐞𝐠𝐥𝐢 𝐚𝐥𝐥𝐞𝐫𝐠𝐞𝐧𝐢 (quale allergene dei 14 richiamati dal Regolamento Europeo 1169?) 𝐞 𝐪𝐮𝐚𝐧𝐭𝐢𝐭𝐚𝐭𝐢𝐯𝐚 (in quale quantità?) presenti in un alimento.In questo ambito rientra anche la definizione, in ambito scientifico, di soglie di tolleranza* specifiche per ciascuno dei 14 allergeni, e la loro applicazione. Solo questo potrebbe aiutare i consumatori allergici ad orientarsi e il settore dell'industria alimentare ad avere dei riferimenti precisi per poi poter implementare un sistema di etichettatura coerente ed affidabile.*𝐏𝐞𝐫 𝐬𝐨𝐠𝐥𝐢𝐚 𝐝𝐢 𝐭𝐨𝐥𝐥𝐞𝐫𝐚𝐧𝐳𝐚 🤏 𝐬𝐢 𝐢𝐧𝐭𝐞𝐧𝐝𝐞 𝐢𝐥 𝐪𝐮𝐚𝐧𝐭𝐢𝐭𝐚𝐭𝐢𝐯𝐨 𝐦𝐢𝐧𝐢𝐦𝐨 (𝐩.𝐞. 𝐞𝐬𝐩𝐫𝐞𝐬𝐬𝐨 𝐢𝐧 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐢 𝐩𝐞𝐫 𝐦𝐢𝐥𝐢𝐨𝐧𝐞) 𝐜𝐡𝐞 𝐩𝐮𝐨̀ 𝐬𝐜𝐚𝐭𝐞𝐧𝐚𝐫𝐞 𝐮𝐧𝐚 𝐫𝐞𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐚𝐥𝐥𝐞𝐫𝐠𝐢𝐜𝐚, 𝐝𝐞𝐟𝐢𝐧𝐢𝐭𝐨/𝐜𝐚𝐥𝐜𝐨𝐥𝐚𝐭𝐨 𝐬𝐮 𝐛𝐚𝐬𝐞 𝐝𝐢 𝐬𝐭𝐮𝐝𝐢 𝐬𝐜𝐢𝐞𝐧𝐭𝐢𝐟𝐢𝐜𝐢 𝐝𝐞𝐝𝐢𝐜𝐚𝐭𝐢.#allergiealimentari #foodallergy #allergeni #PAL #precautionaryallergenlabel #etichettatura #alimenti #patienti ... Scopri di piùScopri di meno
Vedi su Facebook

L’Associazione di Promozione Sociale Food Allergy Italia è la prima associazione in Italia  che si propone di tutelare esclusivamente la salute delle persone affette da allergie ed intolleranze alimentari.



Seguici sui social: